Presentazione di Libera: Associazioni e persone contro la mafia

Presentazione di Libera: Associazioni e persone contro la mafia

Libera: Associazioni, Nomi e Numeri contro le mafie è una rete composta da oltre 1.600 associazioni (tra nazionali e locali) e 20.000 soci individuali dislocati in tutto il territorio nazionale. 80 sono, altresì, le organizzazioni internazionali aderenti al network di Libera, provenienti da 35 Paesi d’Europa, Africa ed America Latina.

In Veneto Libera è presente a livello sia provinciale che regionale.

Per quanto riguarda la provincia di Padova, ad oggi siamo articolati in singole realtà territoriali – denominate “presidi” – che operano principalmente nelle città di Padova, Este, Piove di Sacco e Camposampiero. Leggi Tutto

Il calcio d’inizio

Il calcio d’inizio

Lo sport ha il potere di cambiare il mondo. Ha il potere di suscitare emozioni. Ha il potere di unire le persone come poche altre cose al mondo. Parla ai giovani in un linguaggio che capiscono. Lo sport può creare speranza dove prima c’era solo disperazione. E’ più potente di qualunque governo nel rompere le barriere razziali. Lo sport ride in faccia ad ogni tipo di discriminazione.

Nelson Mandela

 

Presentazione del progetto

“Il calcio d’inizio” è un film-documentario, attualmente in fase di lavorazione, diretto dal regista padovano Michele Angrisani.

Il film, attraverso la narrazione della vicenda umana e sportiva di un gruppo di giovanissimi calciatori, racconta la realtà sociale e culturale nella quale è nata nel 2012 una associazione sportiva dilettantistica, il Quadrato Meticcio, all’interno di un quartiere popolare in cui una parte degli abitanti si erano mobilitati per salvaguardare, come un prezioso bene comune, un piccolo impianto sportivo pubblico altrimenti destinato a diventare un parcheggio scambiatore.

L’ ASD Quadrato Meticcio ha formato nel tempo tre squadre maschili (under 16, 10 e 8) che partecipano al campionato CSI (Centro Sportivo Italiano) e sta attualmente attivando una squadra femminile di calcetto (calcio a 5). Leggi Tutto

A proposito del referendum sull’autonomia regionale

A proposito del referendum sull’autonomia regionale

Di UMBERTO CURI

A proposito del referendum sull’autonomia regionale, proviamo a mettere in fila ciò che è assodato, e cioè che non dipende da opinioni soggettive. Anzitutto, trattandosi di un referendum consultivo (dunque, né istitutivo, né abrogativo), quale che ne sia l’esito esso non avrà alcun effetto giuridico. In occasione del referendum sulle riforme costituzionali volute da Renzi, l’esito della consultazione avrebbe avuto comunque immediate conseguenze giuridiche, confermando o cancellando le norme vigenti. Non è invece questo il caso della consultazione indetta per il prossimo 22 ottobre, dalla quale non potrà comunque scaturire alcuna conseguenza concreta. Leggi Tutto

L’Opinione di Umberto Curi sul Risultato Elettorale

L’Opinione di Umberto Curi sul Risultato Elettorale

E’ possibile parlare di ciò che è accaduto a Padova domenica scorsa come di un “caso”, degno di particolare attenzione, anche e soprattutto in vista di una proiezione nazionale? O dobbiamo invece accontentarci di registrare la prevedibilissima e “fisiologica” sconfitta del PD, sonoramente battuto da un centrodestra rivitalizzato principalmente da Salvini? Quale è il dato politico più significativo della recente tornata elettorale: l’ennesima dimostrazione dell’avvitamento su se stesso del renzismo, o l’emergenza incontestabile di un fenomeno per molti aspetti inedito? Vediamo.

Leggi Tutto

Arturo Lorenzoni Risponde a Massimo Bitonci

Arturo Lorenzoni Risponde a Massimo Bitonci

In relazione alle farneticanti comunicazioni di Massimo Bitonci nella sua conferenza stampa del giorno 22 giugno in merito alle da lui pretese ed asserite ‘verità nascoste’ nel programma di Lorenzoni, è doveroso e opportuno riportare i termini dal profilo della propaganda priva di alcuna veridicità a quello della realtà.

 “Massimo Bitonci mente sapendo di mentire – afferma Arturo Lorenzoni, che con le due liste a suo sostegno ha raccolto quasi il 23% dei voti a Padova alle elezioni dell’11 giugno e si è poi apparentato con il candidato del centrosinistra Sergio Giordani  – per spaventare il mio elettorato e per gettare fango su persone rispettabilissime e stimate come quelle che hanno ottenuto il consenso elettorale nelle liste che mi hanno sostenuto.

Leggi Tutto

Lettera di Arturo Lorenzoni ai Padovani

Lettera di Arturo Lorenzoni ai Padovani

Care cittadine e cittadini padovani,
domenica 11 giugno abbiamo vissuto un momento importante: abbiamo visto che la certezza che la destra esibiva di vincere al primo turno è lontana dal cuore della maggioranza della città. E abbiamo visto che un nuovo modo di vivere la rappresentanza politica è non solo possibile, ma anche gradito alla grande parte delle persone che hanno potuto conoscerlo.
Grazie a tutti coloro che hanno dato fiducia alle liste che mi hanno supportato, mostrando gradimento per un percorso partecipato e sostenuto da persone in gran parte nuove alla politica, ma certamente apprezzate in città per quello che sono e che hanno fatto in vari ambiti.

Leggi Tutto

Il Parere di Umberto Curi sui Risultati dell’11 Giugno

Il Parere di Umberto Curi sui Risultati dell’11 Giugno

Ricordate la parabola evangelica della pagliuzza e della trave? Ben si applica alla grande maggioranza dei  commenti che hanno accompagnato l’esito della consultazione amministrativa di domenica scorsa. Tutti – o quasi – propensi a valorizzare la pagliuzza dei decimi di percentuale in più o in meno per questo o quel partito, mentre a quasi nessuno è venuto in mente di occuparsi di una vera e propria trave, costituita dal fenomeno delle liste civiche. Per limitarsi al Veneto, ciò che è accaduto a Verona e a Padova – se appropriatamente interpretato – esprime una novità politica potenzialmente dirompente, certamente assai più significativa della contesa fra due coalizioni ben lontane dall’uscita dalla crisi, quali sono quelle di centrosinistra e di centrodestra.

Leggi Tutto

Qualcuno votava Arturo

Qualcuno votava Arturo

di Giovanni Fusetti

Questa è una storia di tanto tempo fa.
C’era una volta una città di nome Padova.
Una città bellissima, in un paese bellissimo.
E come tutte le cose belle, era forte e fragile.

 

Era il 9 giugno 2017, un venerdì, e la gente di Padova si preparava a votare alle elezioni comunali. Era stata una campagna lunga e intensa. I risultati, più che mai incerti. Ma la posta in gioco, altissima, era il cuore, l’anima, la mente e il corpo di una città.

Quella sera, a poche ore dal voto, il gruppo di cittadini che sosteneva il candidato sindaco di nome Arturo, si ritrovò in Piazza Eremitani per una festa finale. Erano tantissimi, e volevano votare Arturo.

 

Qualcuno votava Arturo perché aveva fatto l’asilo insieme a lui e poi le scuole elementari e le medie. Le superiori, no. Arturo aveva fatto il classico.

Qualcuno votava Arturo perché suo padre, sua madre, i sui amici, i suoi compagni di scuola, i suoi colleghi, votavano tutti Arturo. I figli no. Loro a votare non ci andavano.

Qualcuno votava Arturo perché voleva che ai propri figli venisse voglia di andare a votare.

Qualcuno votava Arturo perché un programma partecipato a Padova non si era mai visto.

Qualcuno votava Arturo perché Arturo faceva politica senza essere un politico.

Qualcuno votava Arturo perché, non lo conosceva, ma gli piaceva il nome. Sindaco Arturo, suonava bene.

 

Qualcuno votava Arturo perché con lui c’era un coro bianco e arancione di cittadini vestiti di competenza quotidiana.

Qualcuno votava Arturo perché la prima voce del suo budget erano le persone.

Qualcuno votava Arturo perché il suo programma era troppo bello per non essere vero.

Qualcuno votava Arturo perché Arturo sapeva dire questa frase: ho bisogno del vostro aiuto.

Qualcuno votava Arturo perché gli piaceva lo slogan, io voto Arturo. Suonava bene anche in dialetto. A mi voto Arturo, a me piase, el fa rima co’ futuro

Qualcuno votava Arturo perché non voleva un sindaco del fare, ma un sindaco del saper fare, e soprattutto un sindaco del saper far fare e del saper chiedere a chi sa fare.

Qualcuno votava Arturo perché, senza Arturo candidato sindaco, a votare non ci sarebbe neanche andato.

Qualcuno votava Arturo perché c’erano due liste che lo sostenevano, sessantaquattro persone, ne conosceva almeno la metà e l’imbarazzo della scelta era tremendo.

Qualcuno votava Arturo perché era un candidato brillante e anomalo.
Arturo voleva liberare i conservatori dalla conserva,
affascinare gli scettici,
entusiasmare i cinici,
ringiovanire i riformisti,
radicare gli utopisti, annaffiare i radicali,
rinnovare i tradizionalisti,
centrare gli estremisti
e sbilanciare i centristi.

Qualcuno votava Arturo perché voleva una politica poetica, estetica ed estatica.

Qualcuno votava Arturo perché la Commedia dell’Arte era nata a Padova nel 1500, ed era ora di far nascere la Politica dell’Arte.

Qualcuno votava Arturo perché l’umorismo non è mancanza di rispetto, e l’allegria non è mancanza di serietà.

Qualcuno votava Arturo perché le buone idee non sono né di destra né di sinistra, sono solo buone idee.

 

Qualcuno votava Arturo perché per fare il sindaco ci vuole energia e Arturo di energia se ne intendeva.

Qualcuno votava Arturo perché voleva un sindaco forte ma non un sindaco forte da solo.

Qualcuno votava Arturo perché non è mai troppo tardi per farsi una città felice, o, se non proprio felice, almeno più contenta e più colorata.

Qualcuno votava Arturo perché credeva nel diritto al lavoro e nel dovere di lavorare bene.

Qualcuno votava Arturo perché voleva una città più verde, un’economia più solare e un sindaco fotosintetico.

 

Qualcuno votava Arturo perché gli piaceva commuoversi. con-muoversi: muoversi insieme.

Qualcuno votava Arturo perché la sera quando attraversava a piedi la zona della stazione si domandava, con il cuore stretto, ma come si fa a riparare il cuore ferito del mondo?

Qualcuno votava Arturo perché non voleva prima i Padovani ma prima gli esseri umani.

Qualcuno votava Arturo perché Arturo non aveva paura di parlare di fragilità, anche se la fragilità fa paura.

Qualcuno votava Arturo perché voleva che la città restasse umana, anzi che lo diventasse ancora di più.

Qualcuno votava Arturo perché la paura è umana, ma volere una città impaurita è il tradimento della politica.

Qualcuno votava Arturo perché preferiva Robin Hood allo Sceriffo di Nottingham.

Qualcuno votava Arturo perché anche lui aveva pochi capelli.

 

Qualcuno votava Arturo perché essere fragili, è nelle natura umana, ma essere fragili da soli, tutti contro tutti e con i pochi che si arricchiscono sulla pelle dei molti, quella non è la natura umana ma semplicemente pessima politica.

Qualcuno votava Arturo perché aveva paura, ma non degli immigrati, ma di una città con il cuore freddo.

Qualcuno votava Arturo perché aveva capito la differenza tra sicurezza e ordine pubblico, e tra uso della forza e uso della violenza. Con la forza si protegge, con la violenza si distrugge.

Qualcuno votava Arturo perché la sicurezza non è contro qualcuno ma insieme a tutti.

 

Qualcuno votava Arturo perché l’ordine pubblico è il far rispettare, a tutti, le regole del vivere comune. La sicurezza si semina, si nutre e si coltiva, e viene dal sentirsi parte di una rete di cittadini che ha cura del campo: il campo comune che è la città.

 

Qualcuno votava Arturo perché la solidarietà non è un pensiero, un valore, o un dovere. La solidarietà è un istinto. E voleva mettere in moto questo istinto non solo dopo le alluvioni i terremoti e gli attentati, ma ogni giorno, nelle piccole e grandi scelte quotidiane di una città, dei suoi amministratori e dei suoi cittadini.

 

Qualcuno votava Arturo perché quando usciva dalla città gli veniva da piangere a vedere lo scempio del paesaggio e delle periferie di Padova.

Qualcuno votava Arturo perché… basta cemento ! Basta ! Basta nuovi centri commerciali, palazzoni, palazzine e palazzinari. Basta capannoni, ipermercati e lottizzazioni !

Qualcuno votava Arturo perché Arturo non si era arricchito, lottizzando, costruendo, vendendo e appaltando.

Qualcuno votava Arturo perché si commuoveva a immaginare una città di cui essere fiero…Hai sentito cosa stanno facendo a Padova, è il rinascimento delle città. Il sindaco Arturo parla di felicità civica.

Qualcuno votava Arturo perché, dopo una vita passata nelle scuola, nell’educazione, nel sociale, nei servizi al territorio, non sopportava più di vedere il proprio lavoro fragile e potente distrutto da una nuova giunta di cavalieri senza memoria.

Qualcuno votava Arturo perché voler fare soldi è un desiderio legittimo, ma voler fare ancora più soldi è sempre a spese di qualcun altro.

Qualcuno votava Arturo perché non ne poteva più ! Non ne poteva più dei gruppi di potere, delle lobby, dei furbetti del quartierino, dei compagni di merenda che per decenni si erano spartiti il corpo e il sangue della città.

Qualcuno votava Arturo perché proprio non né poteva più del ballo delle giunte.  Giunte di destra, di sinistra, di centro, di centro destra, di centro sinistra, giunte di distra e giunte di sinestra, giunte congiunte, giunte disgiunte, giunte ingiunte, giunte inquisite, giunte corrotte, giunte commissariate, giunte al capolinea.

Qualcuno votava Arturo perché era ora di votare Arturo! E Ostrega !

Qualcuno votava Arturo perché Padova non è una città da ripulire ma una città da amare.

Qualcuno votava Arturo, perché per la prima volta nella sua vita di padovano provava la gioia di votare senza turarsi il naso.

Qualcuno votava Arturo…e perché no: el pare tanto bravo; i me ga dito ch’el xe bravo; a’ speremo ch’el sia bravo; pezo de staltri no xe possibie; a ghemo vot’ de tuto, a provemo anca co’ questo, mi na volta provo tuto.

E qualcuno votava Arturo e non sapeva veramente perché. Però, dentro, in fondo in fondo, nel segreto dell’urna, se lo sentiva: Io… quasi quasi… voto Arturo.

 

Così, quell’anno, a Padova si votò per il nuovo sindaco, e fu una giornata memorabile. Ma questa è un’altra storia e ce la racconteremo un’altra sera.

 

Questo testo è stato scritto da Giovanni Fusetti e da lui interpreato durante la serata conclusiva della campagna elettorale di Arturo Lorenzoni, il 9 Giugno 2017 in Piazza Eremitani a Padova.

 

Innovative Politiche Sociali per Padova

Innovative Politiche Sociali per Padova

Il Cohousing Sociale

Molti anziani in grado di rimanere a casa, hanno bisogno di una supervisione e di un appoggio nell’autogestione quotidiana; molti giovani con disabilità potrebbero vivere in autonomia (abitativa e lavorativa) con una guida, anche periodica, sulla gestione quotidiana; molte persone, di  categorie diverse ( disoccupati, inoccupati, in cerca di lavoro, studenti, donne sole…) si trovano in condizione di emergenza abitativa.

La proposta Di Coalizione Civica

L’idea è quella di favorire l’incontro tra bisogni diversi e trasformarli in una risorsa, per le persone e per la comunità, con lo strumento del cohousing e, in questo modo, favorire la permanenza degli anziani a casa propria, l’uscita di casa di giovani adulti con disabilità (fisica o mentale), dare risposte all’emergenza casa.

Leggi Tutto