Mozione su delibera variante urbanistica – Leroy Merlin

Mozione del 17/7/2018

 

 

La seguente mozione è stata presentata dal Coordinamento Politico all’assemblea del 6/6/18, quella precedente al Consiglio Comunale del 11/6/18, in cui si è discussa la questione LM. 

L’Assemblea di Coalizione Civica, in relazione all’investimento di Leroy Merlin sull’area della Cattedrale D’Avanzo,
considerato
1. che il bando per la dimostrazione di interesse è stato emanato dal Commissario prefettizio prima dell’insediamento dell’attuale Amministrazione comunale;
2. che l’Amministrazione, a seguito di alcuni pareri giuridici, ha ritenuto il bando stesso non modificabile, pena la possibilità di ricorsi anche molto onerosi per l’Amministrazione stessa e per il Consiglio comunale;
3. che, in ragione delle criticità del progetto, Coalizione Civica ha fortemente voluto, chiesto e ottenuto l’attivazione da parte dell’Amministrazione comunale di un percorso di Agenda 21 per coinvolgere la cittadinanza sugli aspetti più critici del progetto;
4. che tale percorso, pur non semplice e perfettibile, si è rivelato fondamentale sia nel metodo di coinvolgimento dei cittadini che nel merito delle osservazioni che sono emerse al suo interno;
5. che queste sono state recepite in una presa d’atto dalla Giunta comunale di Padova e sottoposte ad un confronto informale con i presentatori del progetto;
6. che, pur in assenza di un formale vincolo amministrativo, i presentatori del progetto hanno recepito un significativo numero di queste osservazioni, fra le quali:
a. la richiesta di realizzazione di un accesso ciclabile da Via Vicenza alla zona interessata; b. l’utilizzo di soluzioni verdi ove consentito dalla Soprintendenza per limitare l’effetto “isola di calore” degli ampi parcheggi; c. la limitazione dell’accesso all’area per il tramite di via Peano ai soli mezzi di servizio e soccorso, con esclusione di quelli della clientela, come richiesto anche dalla raccolta firme degli abitanti della medesima via e di altri cittadini della zona; 7. che tali modifiche al progetto originario non sono affidate semplicemente all’interlocuzione informale con i promotori dello stesso, ma sono contenute nella mozione consiliare presentata dai consiglieri comunali di Coalizione Civica e la capogruppo di Lorenzoni Sindaco che verrà messa ai voti l’11 p.v. contestualmente alla variante di perimetrazione;
8. che i presentatori del progetto si sono detti disponibili anche a rivedere il contestato cavalcavia di accesso all’area dalle corsie Ovest di Corso Australia (il cosiddetto “polipo”), qualora si individui un’alternativa di minor impatto a parità di costi, che finora non è stata individuata;
9. che tale possibilità è contemplata tanto nella suddetta mozione consiliare quanto nella delibera di variante e perimetrazione;
10. che non vi sono al momento né si vedono all’orizzonte alternative ragionevolmente praticabili per la riqualificazione di un’area che, nonostante il lodevole impegno di quanti in questi anni si sono spesi per la conservazione di attività al suo interno, nella maggior parte della sua struttura è inutilizzata e abbandonata, con relativi problemi di degrado architettonico e urbano;
11. che nel progetto è prevista la realizzazione di un Distretto dell’Economia Solidale che costituirà una significativa compensazione alla natura principalmente commerciale dell’investimento dei proponenti il progetto;
12. che tale DES sarà realizzato con la compartecipazione economica dei proponenti il progetto, unitamente a quella del Comune di Padova;
13. che anche tale risultato è il frutto del percorso di Agenda 21, della pressione esercitata dai rappresentanti di Coalizione Civica nell’Amministrazione e dell’interlocuzione dialettica con i presentatori del progetto;
14. che la variante urbanistica e di perimetrazione in votazione l’11 p.v. dovrà seguire il regolare percorso amministrativo e sarà sottoposta ai controlli dei passaggi della VIA e della VAS;
invita
i suoi consiglieri comunali ad esprimere parere favorevole alla delibera e alla mozione di accompagnamento, subordinando tale parere favorevole alla sicurezza politica dell’approvazione della mozione;
impegna
gli stessi consiglieri e i propri rappresentanti in Giunta a proseguire nell’opera di ricerca di soluzioni alternative al cavalcavia nonché nella vigilanza per l’effettiva applicazione di quanto previsto nella mozione, ove approvata.
Padova, 6 giugno 2018
Il Coordinamento politico allargato di Coalizione Civica per Padova